Sei qui: Home Comunicati Stampa Vendita abusiva, sequestri e verbali per 30mila euro sulle spiagge di Castellabate

Vendita abusiva, sequestri e verbali per 30mila euro sulle spiagge di Castellabate

PDF  Stampa  E-mail  Mercoledì 03 Settembre 2014 09:48

 

Continuano i controlli sulle spiagge di Castellabate per contrastare le violazioni amministrative relative al commercio. Negli ultimi giorni gli agenti della polizia municipale, i carabinieri della stazione di Santa Maria e i militari del locale ufficio marittimo hanno nuovamente passato al setaccio il litorale elevando sanzioni ed effettuando sequestri a carico di diversi venditori ambulanti abusivi.

In particolare, sono stati elevati 27 verbali di illeciti amministrativi per complessivi 30mila euro per vendita in luoghi non consentiti. Sono stati sequestrati, inoltre, diverse migliaia di pezzi dal valore stimato di circa 10mila euro a 9 soggetti che effettuavano la vendita pur essendo completamente sprovvisti di autorizzazione amministrativa per la vendita su aree pubbliche in forma itinerante. I prodotti illegalmente posti in vendita e sequestrati sono di diversa tipologia, tra cui capi di abbigliamento, occhiali, gonfiabili, bigiotteria ed elettronica. L’operazione si è svolta sulle spiagge di Lago e Santa Maria, dal lungomare Perrotti al Pozzillo.

Gli agenti della Pulizia municipale e i militari impegnati nei controlli antiabusivismo sono stati costretti anche a diffidare alcuni bagnanti che hanno cercato di contrastare la loro azione, insultandoli e minimizzando l’operato dei venditori abusivi.

«Un comportamento deprecabile, rivolto nei confronti di pubblici ufficiali impegnati a far rispettare le regole – dice il sindaco Costabile Spinelli – Un plauso va agli agenti e ai militari che sono stati vittima di questi attacchi, mentre stavano adempiendo il loro compito con professionalità. Come Amministrazione comunale continueremo con decisione in questa azione di contrasto della concorrenza sleale da parte di chi si improvvisa venditore o viola le regole, danneggiando le attività commerciali regolarmente autorizzate».