Sei qui: Home Comunicati Stampa Frana sulla SP 61, il sindaco di Castellabate ordina l’avvio dei lavori

Frana sulla SP 61, il sindaco di Castellabate ordina l’avvio dei lavori

PDF  Stampa  E-mail  Venerdì 07 Marzo 2014 12:17

Chiusura della SP 61, il sindaco di Castellabate ordina l’avvio dei lavori per ripristinare la viabilità. Il provvedimento disposto con ordinanza contingibile e urgente n. 4 del 07 marzo 2014, è stato emesso oggi dal primo cittadino Costabile Spinelli.

 

 

La strada rappresenta la principale arteria di collegamento per Castellabate capoluogo ed è anche l’unica via di accesso al depuratore comunale di località Maroccia, per cui risulta di fondamentale importanza per il territorio. È stata chiusa al transito dalla Provincia di Salerno, che è l’ente proprietario, in seguito ad una frana verificatasi lo scorso novembre ma la situazione si è aggravata per le avverse condizioni atmosferiche. La viabilità alternativa, tortuosa e a forte pendenza, risulta inadatta al passaggio dei mezzi di emergenza e di soccorso.

«La chiusura della SP 61 – spiega il sindaco Costabile Spinelli – determina gravi disagi agli abitanti e impedisce al Comune di effettuare la manutenzione agli impianti di depurazione, finora raggiungibili mediante una strada privata che le piogge degli ultimi giorni però hanno reso impraticabile. Anche se la SP 61 sarà oggetto di un intervento programmato dalla Provincia di Salerno di 650.000,00 euro per la messa in sicurezza dell’intero tracciato, l’urgenza e l’impossibilità di aspettare la conclusione dell’iter amministrativo mi hanno imposto di emanare questa ordinanza oggi attuabile grazie alle migliori condizioni meteorologiche, che garantirà il regolare acceso al capoluogo ».

Con tale provvedimento, dunque, il sindaco dispone per il tramite dell’ufficio Lavori pubblici del Comune di avviare subito tutte le necessarie procedure tecniche ed amministrative e l’immediato inizio dei lavori per il ripristino della sicurezza sulla SP 61, al fine consentire non solo il normale flusso veicolare al capoluogo ma anche l’accesso all’impianto di depurazione e il corretto svolgimento del servizio rsu.