Sei qui: Home Comunicati Stampa A Castellabate acqua di qualità a mare e dal rubinetto

A Castellabate acqua di qualità a mare e dal rubinetto

PDF  Stampa  E-mail  Lunedì 11 Giugno 2012 11:47

All’Istituto Superiore Manlio De Vivo di Castellabate si studia la qualità delle acque, sia di quelle del mare che dell’acqua potabile che esce dai rubinetti. In entrambi i casi l’esito delle analisi effettuate nell’ambito del Progetto P.O.F. a.s. 2011/2012 dal titolo “Monitoraggio ambientale: controllo chimico e microbiologico delle acque potabili e costiere del Comune di Castellabate”, è stato molto positivo.

Nello specifico gli allievi dell’Istituto De Vivo hanno studiato le tecniche analitiche applicate al monitoraggio chimico-microbiologico dell’ambiente. Per quanto riguarda l’acqua potabile, l’obiettivo del progetto è stato quello di sensibilizzare gli utenti ad usare in maniera razionale e corretta l’acqua della rete idrica. In base ai parametri analitici chimico-fisici, chimici e batteriologici la qualità delle acque della rete idrica di Castellabate è pari a quella delle più costose acque imbottigliate. Inoltre, scrivono gli allievi, “in base al suo contenuto salino, la si può classificare come un’acqua oligominerale, con proprietà favorenti la funzione digestiva e diuretica”.

Per quanto riguarda l’analisi dell’acqua del mare “i valori ottenuti dalle analisi condotte, attestano ancora una volta l’ottima qualità delle acque costiere di Castellabate; infatti i parametri chimici, chimico-fisici e microbiologici rilevati sono tutti entro i limiti fissati dalla normativa vigente sulle acque di balneazione”.

Gli studenti hanno preparato un’etichetta di qualità per le acque potabili e un referto di analisi per le acque marine di Castellabate che sono stati consegnati al sindaco di Castellabate Costabile Spinelli.

«Ho trovato molto interessante e utilissimo il progetto dei ragazzi dell’Istituto De Vivo. – afferma il sindaco Spinelli – In primo luogo per il coinvolgimento dei ragazzi che non ricevono passivamente i dati ma che, elaborandoli in prima persona, vengono maggiormente sensibilizzati sull’importanza del consumo razionale dell’acqua e sul rispetto dell’ambiente. Allo stesso tempo, attraverso i ragazzi, il messaggio arriva alle loro famiglie. Le analisi, inoltre, confermano ancora una volta la buona qualità delle nostre acque».