Sei qui: Home Comunicati Stampa In attesa di “Benvenuti al Nord” il gonfalone del Comune di Castellabate approda sul set

In attesa di “Benvenuti al Nord” il gonfalone del Comune di Castellabate approda sul set

PDF  Stampa  E-mail  Lunedì 18 Luglio 2011 12:19

A settembre la troupe di “Benvenuti al Sud” sarà a Castellabate per girare alcune scene del sequel, “Benvenuti al Nord”. Ma Castellabate già da oggi inizia a prepararsi all’arrivo del regista Luca Miniero e del cast e partecipa alle riprese con il suo gonfalone. La società Cattleya s.r.l., che produce il film, ha chiesto al Comune di inviare il gonfalone a Lodi dove oggi (lunedì 18 luglio) inizieranno le riprese del sequel. Una richiesta che il Comune, che negli ultimi mesi ha ottenuto molta visibilità a seguito del successo cinematografico di Benvenuti al Sud, ha subito accolto come prima iniziativa di una serie di eventi con i quali ci si prepara ad attendere l’arrivo della troupe.

Il regista Luca Miniero e i protagonisti del film, torneranno a Castellabate fra un paio di mesi per girare alcune scene. Il sequel, infatti, si basa sul trasferimento del postino Alessandro Siani dal Sud al Nord. Mentre nel primo film era Bisio a dover fare i conti con i suoi pregiudizi verso un meridione che si rivela completamente diverso dall’immagine che se ne era fatto, questa volta è Siani a doversi confrontare con le paure che gli verranno generate dall’idea personale che si è fatto del Nord.

Il film Benvenuti al Sud, secondo negli incassi nell’ultima stagione cinematografica, ha avuto ripercussioni molto positive su Castellabate che quest’anno sta registrando un vero e proprio boom di turisti.

«Inviare il gonfalone a Lodi per le riprese del sequel di Benvenuti al Sud è il primo passo di una serie di iniziative che abbiamo in programma in attesa che inizino le riprese. – afferma il sindaco Costabile Spinelli – Castellabate è un luogo molto amato dai turisti, per il mare, la costa, le bellezze storico-artistiche e naturalistiche. Il film ha permesso di conoscerlo anche a tante persone che ne ignoravano l’esistenza e il sequel sarà di certo un’altra occasione per tenere i riflettori accesi su Castellabate».